Aperti per ferie…lo Psicologo non va in vacanza

In Italia negli ultimi anni durante il periodo estivo si sono triplicati i casi di richieste d’intervento nei Pronto Soccorso per disagi e disturbi psicologici.
Ciò ben si accorda con la vasta letteratura che evidenzia l’esistenza di un fenomeno di “stagionalità” per una vasta serie di disagi psicologici (SAD, Seasonal affective disorder).

L’intensità dei comportamenti depressivi, ad esempio, sembra aumentare in concomitanza con ricorrenze, festività e periodi, come l’estate, che possono generare un senso di isolamento e solitudine.

L’estate,  ad oggi sempre più vissuta nelle città e lontano dai luoghi rilassanti e divertenti delle mete vacanziere, può essere fonte di stress e portare all’insorgenza o all’intensificazione di episodi di abbassamento del tono dell’umore, vissuti di alienazione e senso di impotenza. Isolamento, solitudine e gran caldo sembrerebbero le cause più importanti.

Questa situazione di disagio collegata spesso all’abbassamento del tono dell’umore è ancora più accentuata dalla possibile insorgenza di problematiche fisiche legate agli sbalzi climatici e ai disturbi del sonno.

In un’ottica di prevenzione e tutela della salute e al fine di fornire un repentino contenimento del disagio psicologico, il Centro Indivenire lancia su Roma per l’estate 2010 l’iniziativa “Aperti per ferie…lo Psicologo non va in vacanza”, una campagna gratuita di sostegno e promozione della salute e del benessere psicologico.

Il progetto, che vede coinvolta la vasta rete di psicologi e psicoterapeuti del centro, offre la possibilità di usufruire gratuitamente durante l’intero mese di agosto dei seguenti servizi:

-         Consulenza telefonica

-         Colloqui di sostegno psicologico

-         Gruppi di rilassamento e tecniche di gestione dello stress

-         Pratiche meditative al parco